sos psicologo partner narcisista

Come riconoscere un partner narcisista (e non lasciarsi ingannare)

5 indizi che ti aiuteranno a smascherare un partner narcisista e ti permetteranno di individuare le sue modalità relazionali patologiche

 

– Ti amo tanto…
– Come ti capisco.

Quante volte avrai sentito utilizzare il termine “narcisista” e ti sarai chiesto se anche tu, nell’arco della tua vita, ne abbia incontrato almeno uno.

Indubbiamente è necessario distinguere quello che può essere un semplice tratto della personalità, che molti di noi possiamo avere, da un vero e proprio disturbo.

Quando si parla di un disturbo narcisistico della personalità si fa riferimento a delle modalità di pensiero e comportamento disadattive che si manifestano in diverse sfere della vita e sono fondate su un senso di superiorità, esigenza di ammirazione e mancanza di empatia. Questo disturbo è statisticamente più comune negli uomini che nelle donne.

Il narcisista può esercitare un certo fascino, per cui può essere facile cadere nella sua “rete”: è in grado di creare l’illusione di un mondo fantastico in cui tutto assume un aspetto magico e speciale accanto a lui.

Il narcisista tende spesso all’inizio ad esaltare le qualità del partner, a farlo sentire unico, ma presto questa esaltazione viene seguita da una tendenza a screditarlo e a svalutarlo.

Ma quali indizi possono far pensare di trovarci di fronte ad un narcisista patologico?

Se pensi di avere incontrato nella tua storia affettiva un narcisista o di avere proprio in questo momento una relazione con lui, leggi questi 5 indizi che ti aiuteranno a smascherarlo!

1. Devi ammirarmi sempre

Il narcisista ama vantarsi e parlare di sé, tende a non ascoltare e a monopolizzare tutti i discorsi. Avverte l’esigenza continua di essere ammirato, di ricevere complimenti e di stare al centro del tuo mondo.

Il bisogno di essere ammirati si estende a tutti, per cui c’è la tendenza a chiedere continue conferme anche da altre persone sulle sue capacità seduttive, flirtando ed esercitando il suo fascino di continuo.

2. Non mi lego e amo andare a “caccia”

Non solo il narcisista non si farà problemi a flirtare con altre persone davanti a te, ma tenderà a non legarsi affettivamente e a respingere ogni forma di coinvolgimento sentimentale. Dunque anche se ad un certo punto ti sembrerà di essere quella persona che finalmente “gli ha fatto mettere la testa a posto”, non illuderti: il narcisista è continuamente alla ricerca di nuove prede e della novità che possa stuzzicare i suoi bisogni da cacciatore incallito.

3. Se ti aggredisco ho le mie buone ragioni. Io non sbaglio mai

Il narcisista tende ad assumere atteggiamenti aggressivi all’interno della coppia, insultando e denigrando il partner, sminuendolo verbalmente (per poter affermare ancora di più la sua superiorità) e diventando talvolta anche aggressivo fisicamente. Umiliare e aggredire il partner non fa assolutamente percepire al narcisista un senso di colpa e vergogna, in quanto vive nella convinzione che lui è l’unico ad essere perfetto e a non sbagliare mai. Non si sente pertanto responsabile e non ti chiede mai scusa.

4. Empatia? Non so cosa sia

Il partner narcisista cerca conforto e ha bisogno che tu sia sempre pronto a dargliene, ma non si sogna affatto di offrirti lo stesso grado di consolazione e vicinanza empatica. Questo perché non è sintonizzato con i tuoi bisogni e non riesce ad essere amorevole, anzi, preferisce sviluppare una relazione basata sul gioco e sul controllo dell’altro.

5. Esisto solo io nella tua vita. Di cos’altro dovresti avere bisogno?

Il narcisista piano piano cerca di fare terra bruciata intorno a te: fa in modo che possa metterlo al centro del tuo mondo allontanandoti da altre figure significative, avendo di conseguenza occhi e attenzioni solo per lui. In questo modo svilupperai una condizione sempre maggiore di dipendenza dalla sua figura, per cui non solo eserciterà sempre più controllo su di te, confermando il suo senso di superiorità e importanza, ma eviterà che tu possa avere altri interessi e vie di fuga.

 

Questi 5 indizi ti stanno facendo pensare di avere una relazione con un narcisista o addirittura di avere “un debole” per questa tipologia di persone?

dipendenza affettiva
Come difendersi e tutelarsi da un partner narcisista?

Cosa fare dunque?

Aldilà della battuta che verrebbe naturale in queste situazioni “scappa più lontano che puoi!” cerchiamo di dare una risposta il più possibile chiara e utile.

Sicuramente il primo passo è quello di identificarlo e prendere consapevolezza del fatto che non è affatto quell’essere superiore che sta cercando di farti credere, ma un individuo con un disturbo di personalità fondato su un’enorme senso di insicurezza che cerca di abbattere mettendo in atto quei determinati comportamenti disfunzionali.

Capire che tu non sei lì per salvarlo e farlo cambiare, perché ammesso che cambi (e i narcisisti difficilmente lo fanno, ma chiaramente non è impossibile che accada) non sarà certo grazie a te, ma in seguito ad un percorso su di sé che il narcisista avrà deciso di intraprendere.

Fondare una relazione sull’illusione che l’altro possa cambiare, oltretutto, è assolutamente poco funzionale per il rapporto e può condurre soltanto ad un aumento del malessere personale.

Inoltre è importante che tu vada ad indagare e a pensare a quelli che sono i tuoi bisogni e a cosa ti spinge a legarti ad una persona come lui, in particolare se questa tipologia di individuo è ricorrente nella tua storia affettiva.

Potrebbe esserci un problema legato alla tua autostima e dovresti iniziare a lavorarci sopra comprendendo che non si può costruire dall’esterno (venire donata da altri) ma può essere sviluppata soltanto a partire da dentro.

Nel caso in cui risulti difficile e complesso lavorare su di te e venire a capo di questa situazione che indubbiamente ti causa malessere, puoi richiedere l’aiuto di uno psicologo che possa sostenerti in questo percorso.

Pensi dunque di aver vissuto accanto ad un partner narcisista o di averci avuto in qualche modo a che fare nel corso della tua storia sentimentale? Condividi con noi la tua esperienza scrivendoci nei commenti!

4 Comments

  1. Gaia

    Capitano incastri patologici a volte nella vita e purtroppo la cronaca ogni giorno ne racconta qualcuno. Io sono tra le fortunate che ne è uscita. Spesso gli egoisti patologici oltre a renderti insicura hanno la capacità di farti sentire importante perché al centro del loro mondo. Purtroppo quello è un lavoro subdolo per irresistibile, circondarti e come dite nell’articolo fare terra bruciata intorno a te. Quando si è insicuri trovare una persona che in apparenza sembra avere tutte le risposte fa cadere in una grande illusione. Innanzitutto perché nessuno possiede tutte le risposte e chi non ha dubbi o paure oserei dire non è umano. Naturalmente queste persone non ammettono mai di aver sbagliato, non chiedono mai scusa ma sono sempre gli altri a sbagliare ad essere indegni… Grazie per il vostro articolo mi avete ricordato alcune cose che bisogna sempre aver presenti 😉 come appunto il fatto che le risposte ai propri dubbi ed alle proprie paure le si possono trovare solo in noi stessi e che soprattutto è normale averne, fanno parte di noi. Nessuno può giudicare le nostre scelte passate presenti o future. Dobbiamo dar conto solo a noi stessi e alla nostra pace Interiore.

    1. SOS PSICOLOGO

      Hai perfettamente ragione Gaia, l’insicurezza può spingere a cercare conferme fuori da sé, ma concedere agli altri il potere di determinare il nostro valore conduce a non essere mai il vero protagonista della nostra vita.

      Esserne uscita rappresenta una grande vittoria, perché spesso non è facile cambiare direzione e rendersi conto che possiamo interrompere quel meccanismo disfunzionale nel quale ci siamo incastrati.
      Quando ci si riesce, il nostro vissuto può rappresentare a quel punto una grande occasione di crescita, come probabilmente è stato per te.

      Grazie a te per aver condiviso con noi la tua esperienza!

  2. rosanna

    io credo di aver avuto una relazione con un soggetto che ha tutti i requisiti per poter essere definito un narcisista patologico,il mio problema è che adesso questa relazione è finita da un paio di giorni e ovviamente in modo brusco e violento verbalmente.
    Adesso sto chiedendomi perchè non riesco ad allontanare e cancellare definitivamente questa persona dalla mia vita.
    se qualcuno può darmi qualche consiglio sarà ben accetto,grazie.

  3. andrea

    Io ho avuto una relazione di 2 anni con una Narcisista Donna, che mi ha completamente soggiogato legandosi a tutti i miei desideri inconsci, dal completamento affettivo, al creare una famiglia, a farmi sperare ad una crescita assieme..dopo 50 giorni sono ancor legato a questa persona cerebralmente…difficile uscirne definitivamente senza un percorso che mi aiuti a ritrovare il motivo di questo legame…che esperienza allucinante…una vampira energetica a tutti gli effetti!!!in bocca al lupo

Leave a Comment

START TYPING AND PRESS ENTER TO SEARCH